martedì 26 ottobre 2010

VirtualBox: la meditazione del Guru

Al punto 3 del post "VirtualBox: VERR_VMX_IN_VMX_ROOT_MODE" vi anticipavo un po' ironicamente di una nuova “modalità spirituale” di Virtualbox, la Guru Meditation o Meditazione del Guru, Figura 1.

Figura 1 - Guru Meditation, la meditazione del Guru;
Figura 1

In realtà di spirituale ha ben poco, è invece uno degli errori peggiori in cui ci si può imbattere durante l'uso di VirtualBox.

Il problema salta fuori quando provate ad usare un altro programma di virtualizzazione dopo che in VirtualBox è già stata avviata una macchina virtuale. È un errore non recuperabile in alcun modo, la macchina virtuale va in crash, tutte le elaborazioni che in quel momento stavano avvenendo al suo interno vengono perse e possiamo solo riaccenderla.

E non serve a nulla disabilitare da VirtualBox l'uso delle estensioni per la virtualizzazione VT-x dei processori Intel e AMD-V di Amd, la cui gestione da parte di più programmi è la causa del problema, Figura 2.

Figura 2 - Disabilitare le estensioni del processore per la virtualizzazione;
Figura 2

Il risultato è ancora peggiore del Guru Meditation: ad andare in crash è anche l'host, su Windows la famosa schermata blu, e oltre a dover far ripartire l'intero sistema, anche la macchina guest riporta gravi danni subito evidenti alla prima ripartenza, Figura 3, nell'immagine un guest Ubuntu 10.10 che non riparte più.

Figura 3 - Guest Ubuntu danneggiato dal crash dell'host;
Figura 3

L'unica cura al problema è la sua prevenzione: non bisogna avviare altri programmi di virtualizzazione dopo che in VirtualBox è stata avviata una macchina virtuale.

E anche per questa volta è tutto, ci si vede alla prossima.
Ciao ciao. :)

Gds